LA MORTE DI VALERIO E I SEGRETI DEL MINISTERO DEGLI INTERNI.

LA
MORTE DI VALERIO E I SEGRETI DEL MINISTERO DEGLI INTERNI.
 



Hoconosciuto personalmente Sardo Verbano padre, bene, lavorandoci a fianco, e meno bene, più che altro di vista e per frequentazione di locali e amici in Montesacro, anche il giovane Valerio studente . 

Ero giovane sindacalista della CGIL come lo era , anziano e più esperto,  Sardo, io dal 1976, e lavorammo insieme nella stessa amministrazione pubblica , poi nel sindacato ed in sedi politiche per far partire al meglio i decreti sul decentramento regionale, e tra essi quello sulla soppressione degli enti,   ivi compresa la Amministrazione autonoma che si occupava di servizi sociali ed  assistenza “nel” MINISTERO DEGLI INTERNI,  e , ad colorandum, di protezione civile mediante la tenuta di magazzini per le emergenze .


 

C’era un segreto del padre Sardo , che lavorava nel Ministero degli Interni, in settori socio-assistenziali “sperimentali ” gestiti in una amministrazione autonoma con fondi ex U.N.N.R.A (  soldi statunitensi dal dopoguerra, conservati e destinati ulteriormente), trasmesso oralmente al giovane Valerio ?!?! E poteva essere stato annotato nelle pagine del diario mai ritrovate ?!?! 
 Ci sarebbe certamente potuta essere la trasmissione orale di segreto ,mentre sappiamo solo oggi,  da pochi anni con certezza,  di quale tipologia di segreti era depositaria la A.A.I ( Amministrazione per le attività Assistenziali Italiane ed Internazionali ), e che questa ipotesi la ha fatta/confermata a natale 2012 ,  dinanzi a testimone,  un ex  appartenente a quel settore ex amministrazione autonoma , divenuto poi D.G. dei Servizi Civili . 
Quale poteva essere la sperimentazione e la attività coperta di una struttura – Amministrazione che lavorava trasparentemente,  nel settore socio assistenziale e della tutela dei minori , handicappati anziani bisognosi .. etc dal 1947 ?!?! E dove si sperimentava a quell’epoca , che non c’erano la SAMAN di Latina, case famiglia a serrande abbassate  mentre centri sotterranei o meno,  militari e non,  erano  allocati prevalentemente in Sardegna e Friuli  ?!?!
Ora potrebbe apparire chiaro perchè sia stato 
perseguitato giudiziariamente nel 2012  persino il  giovane montesacrino Luca Blasi,  che assisteva e accompagnò  la madre di Valerio anziana a fare la spesa sino a pochi giorni prima della sua morte ; 

 e può essere più chiaro perchè,  dopo che le avevo telefonato,
nel dicembre 2011 per farle rammentare di me, e raccontarle delle cose che avevo ricostruito, 
mi disse in una telefonata successiva ” non ne voglio sapere .. per me Valerio è morto
ucciso da un commando di terroristi neri ” ; peccato che
eversione di destra infiltrata , servizi deviati e reati gravi sono
un miscuglio noto ai più e la minestra  non cambia per la sinistra “eversiva ” infiltrata, ma solo il colore della salsa .
E non sappiamo come mai il 
magistrato della Procura romana D’Amelio la sia andata “solo ” a salutare,  addirittura a casa , prima di Natale ( ce lo disse lei al telefono, in una seconda telefonata,  che la sarebbe 

venuta a trovare di lì a poco il titolare della ennesima indagine-flop sulla morte di Valerio,  il sostituto  D’Amelio, che ovviamente appartiene alla cordata Ferrara, Rossi, Pesci Cascini + altri ) .
Ma sappiamo 
che all’inizio degli anni ottanta le tecniche di infiltrazione, le attività di controllo e sperimentazione MK-ULTRA e MONARCH erano un segreto pericoloso ,  noto, alla destra eversiva e ad una sola sinistra intraprendente e “informata ” . 

Su chi, come e dove  si sperimentava negli anni cinquanta , sessanta e settanta negli stati uniti,  sappiamo tutto,  anche per bocca del Presidente statunitense,  che ha chiesto scusa al popolo americano . Ma in Italia ?!?! 

La A.A.I. nasce come Amministrazione per gli Aiuti Internazionali con decreto del 1947 ( anno del progetto bluebird antesignano dell’MK-ULTRA )  e diviene Amministrazione per le Attività Assistenziali Italiane ed Internazionali nel 1953,  lo stesso anno di battesimo CIA del progetto MK-ULTRA,  sperimentato con tramp, minori handicappati anziani , attricette etc etc .
La AAI aveva strutture 
sperimentali ,  quattro ( se non erro ) scuole materne sperimentali, una al Colle Oppio .
IL palazzo centrale della A.A.I. , ente soppresso nel 
1978 , accanto a via Inselci, indovinate a chi è stato assegnato subito dopo la soppressione : al SISDE .
Io appartenevo ai puri ingenui sebbene svegli, e vi ho appartenuto ancora sino al 2008 ;  Valerio era puro e bello come si vede ancora oggi, Sardo era un comunista di altri tempi, rotto a esperienze  e che ne aveva viste tante , ma conservava radici e valori profondi . Ora  ci stiamo svegliando meglio, tutti insieme , e per quanto mi concerne sono nato nel 1955,
una annata buona mi dicono, cresciuta sui sani e veri valori del
sessantotto . Ma se pure fossero stati anche gli anni 43-’45 o il
1917 o il 1870, la cosa non cambia . Ragionate, ragionate ed
aiutateci . 
Stiamo disvelando trame che affondano le radici nella
notte che veniva  prima della notte della repubblica : la notte
sotterranea e segreta della ricostruzione e del boom economico e
della guerra fredda e della crisi petrolifera. Curioso, nò ?! Per
capire l’oggi e quello che dovremo affrontare per traghettare noi e
la gente, oltre la devastazione ed il crollo , dobbiamo avere in mano 
conoscenze e chiavi che risalgono sino al dopo guerra mondiale . La via è quella giusta,  sennò perchè hanno tentato di irretirci/cooptarci/distruggerci , con strategie  personali non convenzionali ?!
Tra  progetti Chaos, Blue MOON , MONARCH, HAARP e  via
discorrendo, comparirebbe in un angolino, anche,  curiosamente  “sgrammaticato” e “antiestetico” il “profilo artificiale Ferraro ”   
Non credo gli abbia portato fortuna nè “il caso”, nè la relativa gestione  . E a settembre ne leggeremo e vedremo delle belle .. 

 

PAOLO FERRARO

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*